(Capitolo 1 – Informazioni generali)

DEFINIZIONE

INFILTRAZIONE – iniezione di una o più sostanze farmacologiche in una regione anatomica. Il più delle volte può essere articolare ma periarticolare, muscolare, tendinea, capsulare, ecc.

Non è difficle che lo specialista ortopedico proponga al paziente delle iniezioni di sostanze farmacologiche ovvero effettuare delle infiltrazioni e quasi sempre la risposta del paziente è che il farmaco da iniettare sia il cortisone e che tale tecnica terapeutica sia stata già effettuata da altri senza ottenere i benefici previsti.

Questo articolo ha il compito di chiarire uno degli aspetti più delicati nell’approccio terapeutico al paziente sofferente di spalla al quale viene indicato un trattamento iniettivo locale.

Nozioni generali

Al fine di ottenere una risposta adeguata nella proposta terapeutica per una determinata patologia della spalla si rende necessario, a volte, l’utilizzo di sostanze farmacologiche ad uso locale da iniettare in precise regioni anatomiche.

E’ molto importante che gli utenti sappiano che non esiste una sola regione dove iniettare il farmaco ma esistono diverse regioni e che non esiste una sola sostanza che viene iniettata ma diverse sostanze farmacologiche da usare per il tipo di patologia da trattare.

Altresì è importante conoscere:

  1. CHI deve iniettare tali sostanze, 
  2. COSA iniettare, 
  3. COME iniettare, 
  4. DOVE iniettare, 
  5. QUANDO iniettare il farmaco scelto e 
  6. QUANTE iniezioni effettuare

Nel prossimo capitolo parleremo di CHI deve essere il professionista che deve effettuare le infiltrazioni.